Disposable Teens

Mi piace pensare che,seppur per brevi periodi di tempo, anche io possa far parte della natura che ci circonda. Ogni volta vado a pesca, passando per pinete, arbusti, ed arrivando in scogliera, mi rendo conto di quanto, seppur orizzontalmente molto vicini, viviamo in due mondi completamente differenti, in cui il primo persegue la sua esistenza a prescindere dal secondo.

Ai cinghiali che grufolano in cerca di ghiande, poco importa dei marò, del presidente degli Stati Uniti o del Papa che si espone per un sindaco. Ai funghi che crescono inermi ai primi raggi di sole, l’unica cosa che può ferirli è il coltello di un mondo antropizzato.

DSC_0299

Al gabbiano, a cui ho disturbato lo spuntino, e ho amichevolmente rubato una piuma, non importa del mare, del vento, dei granchi che passeggiano tranquilli. Ma importa di me, un essere non ricompreso nella lista delle cose che fanno parte del suo mondo.

Per quanto mi piaccia sentirmi parte di una natura splendida, posso solo essere un partecipante non pagante ad uno spettacolo che si riserva a tutti. E’ forse è proprio questo il problema.

DSC_0303

La quantità di spazzatura che ho trovato nell’ultima passeggiata , mi ha dimostrato come sia ingrato l’essere umano.

Il Mondo naturale non ci disturba. Non viene a buttare lattine vuote a casa nostra, non lascia cartacce nel nostro vialetto, o scatole di esche sulle nostre finestre.

Il Mondo naturale si concede, senza freni, a chiunque voglia averne un poco. Non chiede nulla in cambio, se non di essere lasciato come lo abbiamo trovato.

Ed invece, come è prassi nei tripudi intestinali di molte persone, se non ci sono antagonisti a contrastarci, allora ci sentiamo forti. Più è debole e senza risposta la controparte, più ci accaniamo contro di essa per dimostrare che siamo giganti, grandi, forti.

Buttare la spazzatura in una pineta meravigliosa vi fa sentire forti? Per un intelligenza sub umana che compie questi gesti evidentemente è troppo complicato arrivare al primo cassonetto utile.

Senza capire, che quando con la bella stagione, tornerai a mangiare in quella pineta meravigliosa, la tua lattina sarà ancora li. A rilasciare sostanze dannose, con il rischio che qualche animale si ferisca. O tuo figlio stesso.

DSC_0308

Avrei voluto pubblicare le foto di tutti i resti che questi sub umani hanno lasciato in pineta. Ma credo che sarei caduto io stesso nell’errore, a mostrare la natura come non è.

Pochi lanci, per me e per Simone, per godere di un tramonto magnifico.

DSC_0316

Due barracuda sono venuti a salutarci, uno a per canna, molto divertenti. Ma non fatevi ingannare dal sorriso plastico della foto, durato solo il tempo della cattura.

Sono tornato a casa amareggiato e un poco deluso. Un po per la spazzatura lasciata dalle persone, e un po per le persone che si comportano come spazzatura.

DSC_0328

Matte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...