Soft Bait vs Sea Bass – Parte 2

Non voglio annoiarvi con la solita prefazione pallosa, per cui passo subito alla descrizione delle attrezzature ed alle catture effettuate.

Le attrezzature utilizzate sono state la solita co – matrix da 3/8 graffiata, pestata e maledetta e una GLoomis  SJR 783 in GLX, entrambe abbinate a mulinelli 2500 caricati con treccia fine (dalle 8 alle 12 libbre), con FC 0,30.

L’approccio è avvenuto in punta di piedi : sappiamo tutti che in determinati spot, a fine novembre, le spigole si abbrancano, ed entrano in competizione alimentare. Partiamo dal presupposto che in questo periodo non è così difficile agganciare qualche bel esemplare, per cui cerchiamo di riservare il forno per esemplari di taglia, rilasciando i piccoli pezzi, che hanno ancora alcuni cicli riproduttivi davanti a loro.

Dicevo, avrei potuto fare molte più foto e sicuramente più catture, ma ho deciso che alcuni scatti, quelli giusti, bastino a dare il mio contributo alla pesca a silicone 2013. Per cui, le foto di seguito, si piazzano nel range delle 10 uscite tra Novembre e Dicembre.

Questo per sottolineare il fatto che il silicone è sicuramente un arma in più nell’artiglieria dello spinner, ma rende meglio se utilizzata nei periodi e nei luoghi adeguati ovviamente.

DSCN7708

Una spigola caduta in inganno da un Molix, recuperato velocemente e stoppato sopra un campo minato…lo strike è avvenuto sullo stop (scusate la faccia) ;

DSCN7736

Eccola tornare in acqua tranquilla e serena…

DSCN7728

Nuovo giro, nuova corsa. Bassa pressione, picco di alta marea, due lanci nelle buche con uno shad bianco e sbam…la co – matrix si piega progressivamente e la ferrata avviene istantanea. Un veloce combattimento e due foto ricordo..

.DSCN7732

Come si può vedere dalla foto, la spigola è stata agganciata lateralmente nella parte molle, la ferrata decisa ha permesso all’amo di bucare perfettamente la bocca della spigola.

DSCN7733

Quei puntini maculati mi fanno impazzire…

DSCN7739

Anche lei, pochi istanti fuori dall’acqua e via di nuovo in libertà….

DSCN7745

Un altra spigola caduta preda del Swim Impact….certe volte lo scodinzolio presuntuoso di quell’esca, anche solo in caduta, stimola l’attacco della spigola. Credo sia proprio una questione di vibrazioni, non di colore. Ho notato, ad esempio, nella pesca dei barracuda a silicone (ma questa, è un’altra storia), che il colore è determinante. A volte capitava proprio che snobbassero un colore per poi esplodere appena si cambiava.

Mentre, nella pesca alla spigola, ripeto, con condizioni favorevoli e pesce collaborativo,  non ho riscontrato particolari differenze tra un esca rosa, una nera, una bianca. Fondamentale invece, capire il tipo di recupero e di vibrazione da abbinare all’esca, sopratutto, la dimensione. Per convinzione personale, parto dal piccolo, per poi salire di misura.

DSCN7753

A volte, la frenesia è talmente tanta, che i piccoli esemplari, anche a luce piena e alta pressione, non tardano ad attaccare. Il giorno della foto (sopra) erano le 16 circa, arrivato, primo lancio spigoletta. Secondo lancio, spigoletta. Fa sempre piacere una cattura, ma se ci rendiamo conto che gli esemplari sono di piccola taglia, personalmente ritengo che è meglio attendere che bucare 20 pesci sotto taglia, con il rischio di fare danni irreparabili.

DSCN7760

So già cosa vi starete chiedendo. “Ma pesca solo con quel tipo di esca??”

No. Ho provato di tutto. Ma a quanto pare volevano quello. Alla mangianza non si comanda, e lo swim impact la fa da padrone.

DSCN7765

Vi lascio con la foto dell’ultima spigola presa per concludere questa piccola favola di acqua salata sulla pesca alla spigola a silicone. Spero di aver aiutato qualche spinner nello schiarirsi qualche dubbio su questa bellissima tipologia di pesca. Ripeto, ho solo cercato di descrivere il mio approccio al silicone, non voglio e non sono neanche in grado di insegnare niente a nessuno.

Alla prossima!

Matteo

2 pensieri riguardo “Soft Bait vs Sea Bass – Parte 2”

  1. Ciao Matteo ho letto proprio adesso l’articolo. Complimenti. Mi spiegheresti come devono essere recuperate queste gomme che tu hai utilizzato sia molix che swing impact e su testina piombata di quanti grammi. Grazie.
    Giuseppe

    1. Ciao Giuseppe. posso dirti come le utilizzo io, ma sono certo che la situazione cambi da spot a spot. Gli Swing le ho utilizzate su teste piombate da 15 grammi, lanciate in senso inverso alla corrente, come se fosse in passata, cercando di farle rimbalzare sul fondo (le condizioni sono di canale e di forte corrente). Mentre quelle Molix, le utilizzo con corrente molto forte, teste da 25, stesso metodo. In condizioni di forte corrente ho fatto il maggior numero di catture. Spero di esserti stato utile! Matte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...